JEF Press

Tutti gli articoli

Articoli di analisi economica e commenti su fatti di attualità politica a cura dei nostri Associates

L'UE mostra i muscoli con il Recovery Fund, ora si fa sul serio?

Una svolta europea per fronteggiare una crisi senza precedenti...

Articolo a cura di Pier Paolo Mignone - IT & Communication Associate

continua la lettura

La giornata del 27 maggio si apre con questo Tweet da parte del commissario europeo Paolo Gentiloni, nel preannunciare il piano ideato dalla Commissione Europea per dare una risposta unita alla crisi. Von der Leyen ha annunciato in Parlamento la proposta della Commissione sull’utilizzo del Recovery Fund, misura già presente nell’accordo raggiunto dall'Eurogruppo nello scorso 10 aprile, dove si è deciso l’utilizzo del Mes, Sure, Bei ed allo stesso tempo si è avanzata la proposta di titoli di stato emessi dall’Unione.

Il Recovery Fund sarà di una portata maggiore rispetto alla proposta franco-tedesca degli scorsi giorni: provvederà, infatti, 500 miliardi a fondo perduto e 250 miliardi sotto forma di prestiti agevolati. Si tratta, quindi, di un fondo di 750 miliardi totali finanziati tramite l’emissione di obbligazioni, sottoscritte dalla Commissione Europea, con l’obiettivo prefissato di rimborsarli tra il 2028 e il 2058. Bruxelles propone di coprire tali spese attraverso l’inclusione di nuove tasse comuni, tra cui vengono citate la plastic e web tax, con l'obiettivo di ripagare tali uscite attraverso il bilancio unico, ampliando quelli che sono i poteri finanziari dell’esecutivo.

Tale proposta indica anche una prima chiave di ripartizione del fondo. In particolare l’Italia sarebbe, tra i ventisette, il paese a ricevere l’aiuto più ingente, seguita da Spagna e Polonia, alle quali spetteranno rispettivamente: 172,7 miliardi, di cui 81,807 come aiuti e 90,938 come prestiti; 140,4 miliardi, divisi tra 77,3 di aiuti e 63,1 di prestiti; e infine circa 64 miliardi.

Per quanto riguarda il funzionamento del fondo, la Commissione prevede l'utilizzo di tali risorse in specifici settori di ogni paese, in particolare nel digitale e nell’ambiente. Secondo la proposta, ogni paese dovrà presentare un piano di spesa nazionale e sottoporlo al giudizio di Bruxelles. Nel caso in cui il piano sia in accordo con le linee guida prefissate, ci sarà il via libera all’erogazione.

Come già sottolineato prima, il Fondo per la Ripresa è, per ora, una proposta avanzata dalla Commissione Europea, che dovrà essere discussa per poi essere approvata all'unanimità. E’ pensiero comune sostenere che la deadline prefissata per il Consiglio europeo del 19 giugno non sarà sufficiente al raggiungimento di un accordo, ma saranno necessari diversi confronti anche nel mese di luglio. L’Unione ha risposto alle continue richieste di dimostrazioni di forza, ora bisogna solo attendere e assistere a come I Ventisette reagiranno a tali manifestazioni.

BTP 2020: Italia in ripartenza?

La ricostruzione del Paese parte dagli italiani, la proposta allettante funge da magnete per i risparmiatori. Solo il quarto giorno ed è già superata quota 22 miliardi...

Articolo a cura di Giuseppe Calitri - IT & Communication Associate

continua la lettura

“Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa. Il secondo momento migliore è adesso.”

Così citava il filosofo cinese Confucio ed è più che mai attuale il suo pensiero nelle condizioni in cui versa l’Italia post-Covid. Molte sono state le proposte messe in campo, molte le opzioni tra le quali scegliere. La Fase 2, oltre alla ripresa di molte attività, ha previsto un importante investimento per il Paese: il Governo ha investito in queste settimane decine di miliardi per fronteggiare la crisi economica scatenata dal nuovo Coronavirus molte delle quali ricavate con la collocazione di un Buono del Tesoro Poliennale (meglio conosciuto come BTP) .L’investimento è stato definito «di scopo», nel senso che i capitali raccolti verranno utilizzati necessariamente per interventi di contrasto all’emergenza sanitaria, prevedendo il sostegno di imprese e famiglie.


Per convincere i risparmiatori italiani a puntare su questo prodotto, il Tesoro ha definito una modalità di rimborso “ibrida”, condizione che porta ad un importante aumento della remunerazione dell’investimento, che potrebbe addirittura raddoppiare il valore della cedola semestrale. Inoltre, gli investitori che manterranno il BTP Italia 2020 per tutta la durata della sottoscrizione (5 anni), senza rivenderlo sul mercato secondario, riceveranno un “premio fedeltà” pari all’8xMille.


La cedola è dell’1,4% lordo, rivalutata ogni sei mesi. Zero il valore delle commissioni bancarie e tassazione agevolata al 12,5%. Tale cedola di interessi è indicizzata al tasso di inflazione italiana, CPI (Consumer Price Index), ovvero un indice che viene calcolato per mezzo di una media ponderata dei prezzi relativi ad un paniere di beni e servizi in un determinato periodo per le famiglie di operai e impiegati. L’indicatore non prevede l’inclusione del consumo dei tabacchi ed è previsto in crescita dello 0,8% nel 2020 e dell’1% nel 2021. Già al quarto giorno di collocamento il BTP Italia anti-Covid continua ad attirare l’interesse dei piccoli risparmiatori, portando il saldo complessivo delle sottoscrizioni a sfondare il tetto dei 22 miliardi, con la conseguente riduzione dello spread tra i titoli decennali italiani e tedeschi che chiude a 215 punti base. Insomma, una ventata di aria fresca per un’Italia messa in ginocchio nelle ultime settimane, ma il dubbio che sorge abbraccia l’esperienza pregressa: sarà in grado il Governo di sostenere un debito che potrà raggiungere dimensioni ancor più ampie?

Programma Artemis: la NASA sceglie i privati ma c'è anche un po' di Italia!

Un piccolo passo per l’uomo, un grande balzo per l’umanità: così Neil Armstrong nel ’69 commentava i suoi primi passi sul suolo lunare. Un momento iconico, almeno quanto i “soliti noti” scelti dalla NASA per il Programma Artemis. L’obiettivo? Riportare l’uomo (e la donna) sulla Luna.

Articolo a cura di Francesco Lavitrano - Sales and Business Development Associate

continua la lettura

Cosa dobbiamo aspettarci?

Nel Maggio del 2019 la NASA ha annunciato e pubblicato una prima bozza del Programma Artemis, ma solo ad aprile 2020 ha comunicato di aver selezionato 3 delle più importanti società aerospaziali che dovranno collaborare e perfezionare il lander che porterà di nuovo l’uomo e, per la prima volta, una donna sulla Luna e che dovranno presentare il proprio progetto entro febbraio 2021. Le società selezionate sono: Blue Origin, fondata da Jeff Bezos creatore del colosso dell’e-commerce Amazon.com, Space X che vede al vertice il visionario Elon Musk numero1 di Tesla, azienda produttrice di auto elettriche, e per ultima ma non meno importante Dynetics, filiale della società di tecnologia Leidos.

Jim Bridenstine, amministratore della NASA, ha espressamente dichiarato che sarà dunque il 2024 la data di atterraggio sul suolo lunare.

La missione

La durata della permanenza sul suolo lunare sarà dunque di 6,5 giorni, l’obiettivo è quello di far atterrare un rover (veicolo adibito al trasporto su un corpo celeste) che potrà essere pilotato a distanza. L’equipaggio, composto da due astronauti, effettuerà 4 passeggiate portando avanti osservazioni scientifiche del suolo e del ghiaccio presente sul suolo lunare in determinate aree.

Il ritorno dell’uomo sulla Luna aprirà le porte a nuovi investimenti nel campo dell’energia rinnovabile? Si, un ulteriore obiettivo sarà quello di riportare sulla terra circa 35 kg di roccia di una zona particolarmente interessante del satellite: la parete del cratere Shackleton costantemente illuminata e quindi ideale per immagazzinare energia solare.

Quanto costerà tutto ciò?

La NASA ha fino ad ora assegnato una somma pari a circa 1 miliardo di dollari in totale alle tre società selezionate, anche se conta per un finanziamento fino a 22 miliardi di dollari per la portata a termine della missione.

C’è inoltre da specificare che non sono solo queste tre le società coinvolte, difatti tale missione conterà la partecipazione di altre 8 aziende, operanti nei settori coinvolti; l'importo totale per tutte le società è di circa 45,5 milioni di dollari.

Il ruolo dell’Italia

La partecipazione italiana ha inizio lo scorso 24 ottobre, quando il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana Giorgio Saccoccia e l’amministratore della NASA, James Bridenstine, hanno firmato un joint statement for cooperation in space exploration per una vera e propria cooperazione di lunga durata per la missione spaziale.

In particolare sarà la Thales Alenia Space Italia la società che collaborerà per la costruzione dell’oblò di visione, l’impianto di pressurizzazione e per il portellone di uscita.

Artemis è un primo passo verso la creazione di una vera e propria economia sul nostro satellite?

Fincantieri: l’industria italiana riparte dagli USA

Lunedì 4 maggio 2020, l’inizio della tanto agognata “Fase 2”, l’italiana Fincantieri ha fatto registrare un aumento alla Borsa Di Milano del 50% rispetto ai minimi raggiunti all’inizio del lockdown di marzo, nonostante il rallentamento subito dal settore dell'industria pesante. Ma cosa c’è dietro questo successo?

Articolo a cura di Dario Esposito - IT & Communication Associate

continua la lettura

Chi è Fincantieri?

Fincantieri S.p.a è un’azienda italiana che opera nel settore della cantieristica navale, attualmente il più importante player del settore in Europa e 4° al mondo. Per di più è un’azienda pubblica, fondata nel 1959 dall’IRI (Istituto per la Ricostruzione Industriale) e tuttora controllata dallo Stato italiano tramite Cassa Depositi e Prestiti rappresentando da allora un’eccellenza industriale nel panorama internazionale, disponendo di 20 cantieri in 4 continenti e oltre 19000 dipendenti.

L’Appalto

In un periodo di fortissima crisi dovuta al coronavirus per il settore cantieristico navale, che sconta pesantemente il rallentamento degli ordini di navi da crociera, Fincantieri si aggiudica nei primi giorni del mese una commessa con il governo statunitense per la fornitura di fregate da combattimento a disposizione della US Navy, avendo la meglio su altri importanti cantieri made in USA.

Il valore della commessa per la prima nave è di 795 milioni di dollari, con un’opzione esercitabile per la costruzione di altre 9 navi pari ad un valore totale di 5,5 miliardi di dollari.

C’è da dire che l’azienda ex-IRI non è nuova a successi del genere, infatti già a Dicembre 2019 si era aggiudicata un altro appalto con la marina americana di 1,3 miliardi di dollari, per costruire 4 navi da combattimento destinate alle basi USA in Arabia Saudita.

Oltre al prestigio conferito e alla riconferma sull’eccellenza dell’export industriale italiano, questa commessa permetterà a Fincantieri di mantenere un portafoglio ordini attivo fino al 2027 ( anno fissato per la consegna della prima nave),potendo così assorbire l’urto della crisi dovuta alla pandemia di Covid-19, la quale ha generato un’immediata posticipazione delle commesse da parte delle aziende crocieristiche da Royal Caribbean fino a Costa Crociere, principali clienti dei cantieri navali.

La domanda da porsi, da parte delle imprese italiane, è come cercare di replicare il successo di Fincantieri anche in altri settori per permettere all’Italia di ripartire e crescere.

Bitcoin e blockchain: cosa sono e perché tenerli d'occhio?

Bitcoin e blockchain due mondi sinergici si fondono per dare vita a nuove tipologie di investimento. Tra digitalizzazione e hi-tech, la prossima decade sarà caratterizzata da asset sempre più innovativi e nuove tecnologie di scambio. Ma di cosa si tratta esattamente?

Articolo a cura di Giuseppe Calitri - IT & Communication Associate

continua la lettura

"Il vocabolo criptovaluta è l'italianizzazione dell'inglese cryptocurrency e si riferisce ad una rappresentazione digitale di valore basata sulla crittografia. L'etimologia del vocabolo deriva dalla fusione di "cryptography" (crittografia) e "currency" (valuta): la traduzione corretta è dunque crittovaluta e si tratta di un asset digitale paritario e decentralizzato."

Il mondo delle criptovalute è stato reso fruibile su scala mondiale con l’ingresso nei mercati finanziari del Bitcoin. Nato nel 2008, dal suo inventore che si manifestò sotto lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto la cui identità reale è a noi tutt’oggi sconosciuta, il bitcoin si presenta come un “mezzo di scambio altamente volatile” che non ha un potere centralizzato, ma il suo valore è determinato dalle sole forze della domanda e dell’offerta. Bitcoin non è una scommessa ma una speculazione perché ha potenziale, ma il ritorno non è certo, non vi è un cashflow. Questo fa della criptovaluta in questione un investimento che non prevede un ritorno in dividendi o interessi, come invece succede con l’Euro o il Dollaro.

In che modo avvengono le transazioni?

Il mondo delle criptovalute utilizza il sistema Blockchain per effettuare transazioni. La blockchain (letteralmente “catena di blocchi”) è definita come un database distribuito fatto di blocchi, cioè una sorta di registro di transazioni dove i dati non sono concentrati su di un unico database, ma su più computer collegati tra loro via Internet, attraverso un’applicazione dedicata che permette di interfacciarsi con la “catena”.

Per meglio definire la dinamica della blockchain è bene introdurre gli attori principali: i nodi e i miner. I primi sono i computer della rete che aderiscono alla catena: chiunque può diventare un nodo, tramite un apposito programma. I miner sono coloro che effettuano il controllo delle transazioni, grazie a calcolatori molto potenti e attraverso un protocollo di validazione piuttosto complesso. Inoltre, sono responsabili per l’introduzione di nuove monete nel sistema, le quali vengono emesse come ricompensa per il loro lavoro. Ogni qualvolta viene effettuata una transazione tra due membri appartenenti alla catena si genera un nuovo blocco. A questo punto entrano in gioco i miner, che hanno il compito di stabilire se le transazioni sono valide e di raggrupparle in nuovi blocchi che vengono poi aggiunti alla catena (se determinate condizioni vengono soddisfatte). Ciascun nuovo blocco confermato viene collegato al blocco aggiunto immediatamente prima. La bellezza di questo processo sta nel fatto che è praticamente impossibile modificare i dati in un blocco una volta che questo è stato aggiunto alla blockchain, in quanto è protetto da crittografia, la quale è molto costosa da produrre ed estremamente difficile da annullare.

Perché affidare il proprio denaro ad un algoritmo?

A differenza dei sistemi bancari tradizionali, queste transazioni vengono monitorate attraverso il registro pubblico digitale suddetto e possono avvenire direttamente tra i partecipanti (peer-to-peer) senza necessità di intermediari. È possibile inviare e ricevere qualsiasi quantità di denaro istantaneamente, dovunque e in qualsiasi momento, motivo per il quale l’onda blockchain sta travolgendo sempre più ogni segmento dell’economia. Bitcoin è una forma relativamente nuova di moneta e sta appena iniziando ad avere consensi, per cui molte persone ancora non capiscono perché dovrebbero fare lo sforzo di usarlo.

Il valore del Bitcoin non è supportato da nulla, come anche l’oro non è supportato da nulla e l’euro e il dollaro, ecc. L’unico attributo plausibile è la fiducia di chi usa una valuta piuttosto che un’altra. I Bitcoin hanno proprietà intrinseche soggettivamente valutate dagli individui e tale valutazione si dimostra quando gli individui fanno scambi o cambiano valuta, liberamente, in Bitcoin.

Alcuni ancora oggi, tendono a demonizzare l’uso di tali strumenti. Come tutto ciò che è nuovo, spaventa.Non sono pochi, di fatto, i risparmiatori che fanno fatica ad affidarsi alle banche e convertire il loro denaro in carte plastificate, ancor di più, verrebbe fuori lo scetticismo di taluni se dovessero convertire il loro denaro in un qualche cosa che esiste solo nell’etere. Ciò che innegabilmente sta emergendo, però, è il nuovo paradigma che questa tecnologia abilita, ossia l’Internet of Value: una rete digitale dove i nodi si scambiano valore, attraverso un sistema di algoritmi e regole crittografiche.

La blockchain si candida, per cui, ad essere la tecnologia di riferimento per il nostro futuro.

Il mondo inondato dal petrolio: mercati del greggio al collasso

La paralisi del settore dei trasporti e il pesante rallentamento della produzione industriale globale mettono in ginocchio il mercato petrolifero. Ma la pandemia in atto non è l’unica causa dietro al crollo del petrolio.

Articolo a cura di Claudia Russo - IT & Communication Associate

continua la lettura

La paralisi del settore dei trasporti e il pesante rallentamento della produzione industriale globale mettono in ginocchio il mercato petrolifero. Ma la pandemia in atto non è l’unica causa dietro al crollo del petrolio:

Saltato l’accordo con la Russia sul taglio dei livelli produttivi, stabilito all’interno dell’OPEC+ (in data 6 marzo), l’Arabia Saudita ha notevolmente alzato l’offerta di greggio, dando inizio ad una guerra di prezzi dalle conseguenze disastrose.

La differenza tra le unità prodotte e quanto invece richiesto in un momento di crisi globale, ha fatto sì che l’oro nero raggiungesse, alla fine del mese di marzo, i minimi pluriennali (21$ a barile).

Ma come si è arrivato ad un valore negativo del petrolio?

Il 20 aprile 2020 verrà ricordato come un giorno devastante per l’industria del petrolio: per la prima volta nella storia il prezzo del WTI con scadenza a maggio ha segnato un valore sotto lo zero (- 37,63$ a barile). Una situazione quasi paradossale che trova spiegazione nel funzionamento del mercato petrolifero: quello per l’acquisizione del greggio è un contratto future che prevede la consegna della merce alla scadenza (prevista il 21 aprile). Questi tipi di contratti normalmente vengono rinnovati poco prima del termine ultimo attraverso il meccanismo del “rollover” ma nel caso dei contratti di maggio, questi rappresentavano una “patata bollente” per i traders: nessuno era disposto a prendere in consegna il petrolio date le situazioni di lockdown e i serbatoi di stoccaggio saturi rendevano estremamente oneroso il deposito del greggio. Tale situazione ha costretto i possessori dei futures a pagare per non ricevere quanto già acquistato e vista l’impossibilità di bloccare la produzione del petrolio per sopperire allo squilibrio dell’offerta rispetto alla domanda, la svalutazione è stata inevitabile.

Già il 21 aprile si è verificata una ripresa del prezzo del greggio, testimoniando che il WTI sotto pressione fosse quello con scadenza più ravvicinata. Pertanto il crollo del 20 aprile potrebbe rappresentare un evento isolato, derivante da condizioni di mercato di forte instabilità.

Non a caso, il contratto di giugno del Wti è sempre in calo, ma in forma meno drammatica: meno 15,64% a 20,89$ al barile; si tratta comunque di un gap tra i due contratti mai verificato che dimostra l’insufficienza del piano OPEC+ per il taglio della produzione (riduzione di 9,7 milioni di barili al giorno, a partire dalla seconda metà di aprile) e che fa comprendere l’ampiezza della crisi che il mercato petrolifero sta affrontando.

Infatti, sebbene il problema, ad oggi, sia più americano che europeo, anche il Brent (che funge da riferimento per il mercato europeo) ha subito un forte calo arrivando a perdere il 17% nella giornata del 20 aprile e tornando poi a salire con un progresso del 16% a oltre 22$ al barile.

Fase 2: tra task force e strategie

Un uomo, una squadra, 20 giorni ed un paese da rialzare. Continua il percorso delle Istituzioni verso la fine del tunnel in cui Covid-19 ci ha catapultati. In che modo l'Italia pensa di affrontare la riapertura? Come risponderanno i mercati?

Articolo a cura di Luca Capasso - IT & Communication Associate

continua la lettura

Dopo una fase 1 caratterizzata da un — sotto alcuni punti di vista controverso — lockdown nazionale, ecco giunto il momento del tanto atteso passo in avanti.

La Commissione

Una task force, che per il momento riveste il ruolo di organo consulente, affianca il Premier Giuseppe Conte e gli esperti della Protezione Civile (già impegnati braccio a braccio da tempo) nella gestione della situazione Covid-19.

La grande novità consiste principalmente nella composizione della nuova Commissione: non un’ulteriore squadra di epidemiologi, scienziati e medici, bensì psicologi, sociologi ed economisti, guidati dall’ex AD di Vodafone ed Unilever, Vittorio Colao.

L’obiettivo del coordinamento strategico a supporto del Presidente del Consiglio è quello di gestire la perniciosa fase di passaggio tra la cessazione di ogni attività e quella di una prima, delicata riapertura. Valutando gli effetti del confinamento sulle varie fasce della popolazione, evitando l’esposizione delle fasce deboli al rischio di povertà ed emarginazione.

L’attività del team si può racchiudere in pochi ed essenziali punti:

• la gestione dei lavoratori (già alle prese con i nuovi approcci al lavoro);

• l’utilizzo dei dispositivi di sicurezza, le direttive sulla mobilità;

• l’individuazione dei settori e delle attività strategicamente rilevanti per il paese.

La “Fase 2”

In vista della riapertura delle attività, prevista per il 4 Maggio — non in eguale misura per tutte le regioni italiane — si valutano sblocchi di settore ben mirati che con ogni probabilità interesseranno moda, automotive e metallurgia. Il rischio di un ulteriore ritardo sarebbe quello della perdita di segmenti di mercato importanti per le imprese italiane, che rivestono un ruolo di rilievo nelle filiere sopracitate, anche in ambito europeo.

Preoccupa anche l’ombra calata sul turismo, di cui però l’esecutivo ha già parlato nei termini di un “riposizionamento strategico dal punto di vista del marketing e della comunicazione del nostro paese, che è sempre ai primi posti per il binomio gastronomia e cultura”, e che vedremo arrivare solo in una ipotetica fase 3. Anche in questo caso le preoccupazioni appaiono giustificate: il turismo è da sempre motore propulsivo, soprattutto delle aree meridionali dello Stivale, le quali risentirebbero oltremodo di una gestione non ponderata in questo senso.

Continua la massiva presenza dello smart working, affiancato da turnazioni più flessibili, che agevolerà la situazione preoccupante del ritorno dei pendolari ai loro precedenti ritmi e spostamenti.

Il clima in cui questa task force opera è decisamente delicato; a partire dal coordinamento dei quasi 80 esperti di settore, appartenenti ad organi differenti, fino alle problematiche legate alle iniziative autonome, e spesso controverse, di Comuni e Regioni.

L’iniziativa del Bel Paese non è però isolata, su questa linea d’azione si stanno muovendo anche Spagna, Francia ed Inghilterra.

In Cina, in cui la riapertura è già in vigore da alcune settimane, si iniziano ad apprezzare le prime “psicosi” del mercato dei consumatori: tra “revenge spending”, rinascita dei settori del lusso e dell’intrattenimento e movimenti mirati dei fondi azionari specializzati.

La ripresa economica ripartirà dal consumo compulsivo anche in occidente?

Golden Power: in cosa consiste e come cambia con il nuovo Decreto Liquidità.

Attraverso il decreto liquidità dell' 8 aprile il governo ha esteso i poteri speciali del golden power per difendere le attività italiane. Ma in cosa consiste il Golden Power? E come sono stati estesi i suoi poteri speciali?

Articolo a cura di Luca De Menezes - Responsabile Area Risorse Umane

continua la lettura

Il Golden Power, istituito dall’esecutivo per tutelare le attività di alcuni settori definiti strategici, tra cui ad esempio la sicurezza nazionale o la difesa, non è altro che una sorta di scudo grazie al quale l’esecutivo ha la facoltà di opporsi all’acquisto di determinate partecipazioni o comunque di dettare delle specifiche condizioni in merito, al fine di evitare che imprese estere possano sfruttare momenti di crisi per acquistare a prezzi vantaggiosi imprese nazionali che svolgono un ruolo strategico per il paese.

Come ribadito dalla Commissione europea, l’esercizio di tali prerogative deve sempre avvenire in maniera imparziale, obiettiva, tramite criteri resi pubblici e deve al contempo essere giustificato da motivazioni di interesse generale.

Gli ambiti di applicazione del Golden Power, e quindi le aziende sulle quali il governo ha facoltà di esercitare questi poteri speciali, sono in linea di massima i settori della difesa, sicurezza nazionale, energia, trasporti, e comunicazioni. Più in generale però, l’esecutivo può esercitare le suddette prerogative su tutte quelle società (sia pubbliche che private) che, si legge anche sul sito della Camera dei Deputati, svolgono attività considerate di rilevanza strategica.

Con l’approvazione del decreto Liquidità, pensato per fornire sostegno alle imprese travolte dal coronavirus, è stata prevista un’estensione delle prerogative governative anche ad altri settori, ora considerati strategici, tra cui il settore alimentare, assicurativo, sanitario e finanziario. L’obiettivo di tale contromisura si può riassumere nell’evitare scalate di società estere che potrebbero avvicinarsi alle aziende tricolore per comprarle a prezzi di saldo (visto il tonfo generalizzato dei mercati causato dal coronavirus).

Eurobond: cosa sono e come funzionano?

In questi giorni avrete sicuramente sentito la parola “Eurobond” associata ad una delle possibili soluzioni per evitare il tracollo del sistema economico della maggior parte delle nazioni appartenenti all’Unione Europea. Ma facciamo prima un passo indietro.

Articolo a cura di Guido Moschini - Tesoriere JEF Napoli

continua la lettura

Gli Eurobond sono titoli di debito, ovvero titoli emessi da un debitore che ha bisogno di soldi e che vengono acquistati da investitori (i creditori), tramite i quali tutti gli Stati membri dell’UE diventano responsabili del debito in maniera congiunta. In pratica se uno stato non riuscisse a ripagare in futuro il suo debito contratto tramite l’emissione di questi titoli, non ci sarebbero grossi problemi perché provvederebbero a ripagare lo stesso gli altri stati membri dell’Eurozona.

La crisi, causata dal coronavirus, che incombe sull’Europa, pare che stia aprendo le porte a questo meccanismo solidale di distribuzione del debito (garantito dalla Banca Europea degli investimenti - BEI), ma d'altronde come spesso accade in ambito economico ci sono dei pro e dei contro.

Sicuramente è una soluzione che gioverebbe a molti paesi in difficoltà, come l’Italia, la Francia e la Spagna, perché gli permetterebbe di ottenere la liquidità necessaria a potenziare le strutture ospedaliere e finanziarie, a dare supporto alle imprese obbligate a chiudere o a lavorare in modo parziale, e soprattutto ad aiutare le famiglie che si trovano in situazioni drastiche.

D’altro canto sorge un problema di ordine morale: perché gli Stati membri con bilancio più “forte” devono pagare per altri paesi che non hanno saputo gestire il loro sistema economico in modo adeguato?

Questa posizione è stata presa in modo ferreo dal premier tedesco Angela Merkel che, seguendo la scia olandese, si è schierata assolutamente contro l’emissione di questi titoli, guardando esclusivamente agli interessi della Nazione.

E in effetti storicamente è stato così: la realizzazione di queste ipotetiche obbligazioni comuni non è mai avvenuta a causa della mancanza di una politica finanziaria comune all’UE. Fino ad oggi l’unione è stata sicuramente più teorica che reale, ed è per questo che l’Europa è a un bivio: o gli Stati si iniziano ad aiutare tra loro, oppure si riparte quando tutto finirà con la consapevolezza del fallimento del concetto stesso di unione.

"Cura Italia": la panacea dell'economia italiana?

Il 17 Marzo è stato emanato un nuovo Decreto Legge con misure straordinarie per rinvigorire il sistema economico-finanziario che ha accusato negli ultimi giorni gravi perdite.

Articolo a cura di Matteo Manto - Responsabile Area IT e Comunicazione

continua la lettura

L'emergenza Coronavirus ha totalmente destabilizzato l'equilibrio del nostro paese su tutti i fronti. In particolare, il panorama economico è, insieme a quello sanitario, quello che ha subito il contraccolpo più violento. Ma quali sono le manovre economiche italiane attuate per fronteggiare tale momento di criticità?

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, ha approvato il decreto legge 17 Marzo 2020, n°18, anche detto "Cura Italia". Il decreto interviene con provvedimenti su quattro fronti principali:

  • il finanziamento ed il potenziamento degli enti pubblici impegnati sul fronte dell'emergenza, quali il Sistema sanitario nazionale e la Protezione civile, con flussi rispettivamente di 3,5 e 10 miliardi;
  • il sostegno all'occupazione e ai lavoratori per la difesa del lavoro e del reddito, con l'obiettivo che nessuno perda il lavoro a causa dell'emergenza coronavirus;
  • il supporto alla liquidità delle famiglie e delle micro, piccole e medie imprese, attraverso la collaborazione con il sistema bancario e l'utilizzo del fondo centrale di garanzia;
  • misure in campo fiscale, con la sospensione, per i settori più colpiti, dei versamenti delle ritenute, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l'assicurazione obbligatoria per i mesi di marzo e aprile, insieme al versamento Iva di marzo.

La manovra economica è stata poderosa, mettendo in campo 25 miliardi di euro e attivando flussi per complessivi 350 miliardi. Possiamo parlare di modello italiano non solo per quanto riguarda le misure di contenimento attuate per contrastare la diffusione del contagio, ma anche per quanto riguarda la strategia di risposta economica, tanto che molti Paesi si stanno ispirando alle procedure italiane.

Ad oggi, in conclusione, non possiamo certo affermare che l'emergenza è sventata ma è quantomeno contenuta, in attesa del "Decreto Aprile" che potrà ulteriormente contribuire a ridurre gli effetti negativi sul sistema economico italiano.

Milano risorgerà?

In questi giorni terribili, Piazza Affari sta bruciando milioni di euro con crolli significativi. La pandemia di Coronavirus sembra essersi radicata nel mondo della finanza con conseguenze drammatiche.

Articolo a cura di Claudio Zippa - General Secretary JEF Napoli

continua la lettura

Secondo gli analisti Oddo Bhf è l"infodemia” il vero motore della crisi dei mercati. «Lo 0.0015% della popolazione mondiale è attualmente contagiato dal Coronavirus ma circa il 99,99% è stato “infettato” dall'infodemia, ovvero dalla epidemia di informazioni sull'argomento, alcune accurate e altre meno, che alimentano preoccupazioni a livello globale». È il motore della crisi perché essa «crea uno shock di fiducia, trasformando una crisi sanitaria in una finanziaria».

Fino a poche settimane fa gli investitori si illudevano che il problema potesse restare confinato alla Cina. Ora si trovano a far fronte con un problema globale con conseguenze pesanti per l’economia. Secondo gli analisti sono due i fattori che hanno amplificato la violenza del crollo dei mercati: la rapidità con cui sono aumentati i contagi e il fatto che le valutazioni delle Borse globali fossero elevate.

L’Italia in quanto Paese più colpito dalla malattia dopo la Cina è stato in qualche modo l’epicentro della tensione. In queste tre terribili settimane nelle quali il Coronavirus si è così largamente diffuso in Italia, i titoli del listino principale della Borsa di Milano hanno lasciato sul terreno quasi il 30% del valore. Per trovare un periodo così nero in sole ventuno giornate occorre tornare indietro al 21 settembre 2001, una data che immediatamente porta alla memoria la tragedia delle Torri Gemelle. Ebbene, allora il calo fu appena peggiore con una perdita relativa del 31% rispetto all’ultima seduta dell’agosto di quell’anno. Oggi, 12 marzo, il grafico ha segnato il valore peggiore nella storia delle contrattazioni milanesi.

Per quanto riguarda la situazione di Piazza Affari dell’11 marzo 2020 la Borsa di Milano rimbalza dopo il forte calo delle sedute precedenti. L'indice Ftse Mib guadagna l'1,69% a 18.171 punti (il 10 marzo la borsa ha chiuso con 17.575 punti). A piazza Affari guida il listino Telecom che inizialmente non ha fatto prezzo e ora guadagna oltre il 6% dopo aver comunicato di aver avviato negoziati assieme a Telefonica, per il business mobile di Oi. Rimbalzo della Juve e, soprattutto, dei bancari. Bene Mediaset dopo i conti in cui ha registrato un utile in calo del 60% a 190 milioni ma raddoppiato al netto voci extra 2018. In rosso Ferragamo che alla vigilia ha stimato nel primo trimestre ricavi in calo del 25-30% a causa dell’impatto del virus e Moncler che risente le prospettive negative del settore. Acquisti anche sul titolo Fca che ha deciso di chiudere 4 stabilimenti in Italia per interventi straordinari sul Coronavirus.

Smart working: tra opportunità di crescita e prevenzione dell'epidemia

Negli ultimi giorni stiamo assistendo ad un aumento del fenomeno dello smart working, utilizzato dalle aziende come strumento per prevenire la diffusione del nuovo Coronavirus. Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo nuovo approccio e quali sono i requisiti necessari per metterlo in campo?

Articolo a cura di Bruno Herrmann - Associate Consultant JEF Napoli

continua la lettura

A seguito dell’emergenza Coronavirus, che porta le persone ad evitare spazi affollati ed in generale ridurre il contatto con l’esterno, si sta assistendo ad un forte aumento del fenomeno dello Smart Working.

Cos’è lo Smart Working? E’ una nuova modalità di rapporto lavorativo caratterizzata dall’assenza di vincoli orari o spaziali e un’organizzazione per fasi e obiettivi, stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro; una modalità che aiuta il lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro e, al contempo, favorire la crescita della sua produttività.

In tutto questo la tecnologia gioca un ruolo chiave, perché quando si parla di Digital Transformation nei luoghi di lavoro si pensa anche all’applicazione di tecnologie avanzate per connettere persone, spazi, oggetti ai processi di business, con l’obiettivo di aumentare la produttività, innovare, coinvolgere persone e gruppi di lavoro. Bisogna comunque sempre tener presente che adottare lo Smart Working non vuol dire soltanto lavorare da casa e utilizzare le nuove tecnologie, lo Smart Working non è il telelavoro: è anche, e soprattutto, un paradigma che prevede la revisione del modello di leadership e dell’organizzazione, rafforzando il concetto di collaborazione e favorendo la condivisione di spazi. Nell’ottica smart, il concetto di ufficio diventa ‘aperto’, il vero spazio lavorativo è quello che favorisce la creatività delle persone, genera relazioni che oltrepassano i confini aziendali, stimola nuove idee e quindi nuovo business.

Da venerdì scorso il Coronavirus ha varcato i confini del nostro paese e lo Smart Working nelle aree colpite dall’epidemia (Lombardia e Veneto) è diventata la misura adottata da moltissime realtà italiane per cercare di ridurre al minimo le possibilità di contagio pur portando avanti le proprie attività.

Lo Smart Working non può essere la soluzione per “bloccare” l’epidemia ma, con l’impegno di tutti, può rappresentare una misura per ridurre rischi, attenuare disagi e contenere gli enormi danni economici e sociali che questa emergenza rischia di causare.

Dopo il maxi esperimento di Smart Working della Cina, adesso anche in Italia per arginare il dilagare del Corononavirus si ricorre al lavoro agile, che grazie a un decreto attuativo approvato d’urgenza è applicabile da subito, anche senza un accordo preventivo con i dipendenti. In particolare, il decreto attuativo del 23 febbraio 2020 n. 6 recante le misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da SARS-CoV-2 (sigla ufficiale che indica il Coronavirus) che causa la malattia COVID-19 prevede “la sospensione delle attività lavorative per le imprese […] ad esclusione di quelle che possono essere svolte in modalità domiciliare ovvero in modalità a distanza”.

Come hanno riportato in questi giorni diversi quotidiani, sono tante le aziende che hanno chiesto ai loro dipendenti di limitare le trasferte di lavoro e lavorare in Smart Working, utilizzando gli strumenti di collaboration a loro disposizione: A2A, Ibm, Intesa San Paolo, Pirelli, Salini Impregilo, PwC, KPMG, Luxottica, Enel, Eni, Saipem, Snam, Vodafone.

Air Italy: le principali cause del fallimento

Notizia delle ultime settimane è il fallimento di “Air Italy”, compagnia low-cost italiana con sede ad Olbia. Nata dalle ceneri di Meridiana e grazie all’unione tra Alisarda, con il 51% delle quote, e Qatar Airways, con il 49% delle quote, l’azienda prometteva un solido piano industriale composto da 1500 assunzioni, 50 nuovi aerei nei primi cinque anni, 10 milioni di viaggiatori e nuove rotte intercontinentali.

Articolo a cura di Antonio Cozzolino - Vicepresident JEF Napoli

continua la lettura

Notizia delle ultime settimane è il fallimento di “Air Italy”, compagnia low-cost italiana con sede ad Olbia. Nata dalle ceneri di Meridiana e grazie all’unione tra Alisarda, con il 51% delle quote, e Qatar Airways, con il 49% delle quote, l’azienda prometteva un solido piano industriale composto da 1500 assunzioni, 50 nuovi aerei nei primi cinque anni, 10 milioni di viaggiatori e nuove rotte intercontinentali. Negli ultimi anni tuttavia, complice un contesto ostile, la compagnia ha visto un progressivo peggioramento dei risultati: la flotta è cresciuta meno velocemente del previsto e le rotte hanno alternato buoni numeri a flop. L’acquisto fallimentare di tre “Boeing 737 Max”, lasciati a terra a causa di falle nella sicurezza riscontrate negli incidenti avvenuti in Indonesia ed Etiopia, ha contribuito al peggioramento di uno scenario già difficile.

Dando uno sguardo ai numeri nel 2019, Air Italy ha registrato una perdita che ha superato 210,5 milioni di euro, a fronte di ricavi per 309,5 milioni e nel 2018 aveva già accumulato una perdita netta da 163,8 milioni di euro facendo registrare al 31 dicembre di quell’anno una riduzione del capitale sociale sotto il minimo legale. Appurata l’impossibilità del salvataggio è stata scelta la via della liquidazione, con conseguenze non di poco conto: le principali preoccupazioni sono legate alla disponibilità di voli da e verso la Sardegna, garantiti dalla compagnia, nonché al destino di 1500 lavoratori che da un giorno all’altro si sono ritrovati a dover abbandonare la loro occupazione senza possibilità concrete di rimpiazzo.

A lavoro sono già i sindacati che esprimono pesanti ripercussioni occupazionali: Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti, in una nota congiunta, scrivono che è necessario che il Governo trovi una soluzione immediata per i lavoratori in quanto non vi è certezza degli ammortizzatori sociali e in quanto il fondo del trasporto aereo non è stato rifinanziato.

Corona-virus, tra fenomeno virale e fenomeno del web: cosa c'è di vero?

Da pochi giorni il numero di morti provocati dal nuovo corona-virus scoppiato a Wuhan ha toccato quota 1000, l’allarme mondiale diventa di allerta gialla e l’economia inizia ad accennare i primi colpi. Nel boom del fenomeno, si scatenano i “bufalari” del web, aumentando inutilmente la preoccupazione generale.

Articolo a cura di Federico De Micco - International Manager JEF Napoli

continua la lettura

Un'epidemia di un nuovo coronavirus (2019-nCoV) sta colpendo la Cina, insieme a casi isolati in 27 altri Paesi. È stato identificato a Wuhan, la capitale della provincia cinese di Hubei, dopo che 41 persone hanno sviluppato la polmonite senza una chiara causa.

Il virus, che causa la malattia respiratoria acuta 2019-nCoV, è in grado di diffondersi da persona a persona ed i sintomi includono febbre, tosse e difficoltà respiratorie.

È stato stimato un tasso di mortalità intorno al 2%, in leggero aumento dai primi casi accertati del 2019.

Tutt'ora non esiste un vaccino e nessun trattamento specifico, sebbene siano stati studiati diversi approcci e vaccini antivirali.


Analizziamo però più nel dettaglio l’epidemia come fenomeno virale, che di virale ha soprattutto lo spread di false notizie e testimonianze sui social:


• La prima e più diffusa fake news proviene da Facebook, divenuta virale in poco tempo, e riguarda lo scoppio dell’epidemia, derivante dalla vecchia esperienza cinese del virus SARS, in cui veniva affermato che lo stesso corona-virus di Wuhan era stato creato in laboratorio.

L’argomentazione si basava su un brevetto relativo ad un corona-virus, depositato presso l’Ufficio Brevetti Usa. Il brevetto, come già accennato, era in realtà relativo al corona-virus che ha causato l’epidemia di SARS nel 2002.

• Sempre per quanto riguarda le origini del fenomeno, non essendo ancora chiare le cause della prima trasmissione all'uomo, gli utenti dei principali social network si sono divertiti a fantasticare sulle possibili cause, spesso associando il contagio del virus a pipistrelli, serpenti e anche pangolini. Restano chiaramente ancora infondate tutte le possibili accuse, non avendo alcun dato certo sul primo contagio.

• Numerose fake news sono state anche rilasciate per quanto concerne i possibili rimedi naturali al contagio del virus, come l’etanolo, gli steroidi, l’acido acetico e l’acqua salata.

Ovviamente però non esiste ancora un rimedio certo per evitare il contagio, se non evitare il contatto ravvicinato con persone affette dal virus, come non esiste ancora un vaccino accertato, nonostante il virus sia stato isolato e di dominio pubblico.


In conclusione, è opportuno riuscire ad arginare il fenomeno virale delle fake news che, come sappiamo da esperienze pregresse, intensifica la paura generale e si dirama nell'ignoranza.

Gli unici consigli da seguire sono quelli forniti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e le precauzioni da attuare per chi viaggia nei Paesi dove il virus è più diffuso sono quelle diramate dal Ministero della Salute.

Il mercato all'indomani della Brexit: cosa cambia per UK ed UE

Cosa è cambiato nello scenario politico internazionale dopo gli eventi decisivi del 31 gennaio? Qual è l'eredità della Gran Bretagna lasciata ai 27 Paesi rimanenti?

Articolo a cura di Salvatore Mastrullo - Associate Consultant JEF Napoli

continua la lettura

31 gennaio 2020, ore 11:00PM: il Big Ben segna l’inizio di una nuova epoca per la politica e l’economia mondiale. Dopo quasi quattro anni di negoziati e trattative, la Gran Bretagna raggiunge il suo obiettivo di diventare indipendente dall'unione Europea. Cinque sono state le motivazioni portate avanti dal fronte “Leavers”, non senza polemica ed opposizione: immigrazione fuori controllo, sicurezza e sovranità nazionale, contributi UE eccessivamente dispendiosi e burocrazia lenta e farraginosa. La “Grande potenza navale”, come la definisce l’attuale primo ministro Boris Johnson, ha sostanzialmente rivendicato l’autonomia politico-economica della Nazione. Questo ha ovviamente avuto delle conseguenze sui mercati mondiali di beni e valute. Con la Gran Bretagna indipendente cambiano ovviamente le regole legate all'import e all'export: sarà libera dalle regole di mercato in vigore nell’UE. Gli scenari che vedremo nelle prossime settimane possono essere sostanzialmente due: Londra avvierà dei trattati con l’UE per conservare parte dei privilegi dell’Unione oppure, ipotesi più acclarata dal Premier, avviare autonomamente trattative con le potenze economiche mondiali per trattare dazi e quote merci.

Altro dato da tenere sotto controllo sarà il valore della sterlina rispetto all'Euro: su questo punto si gioca una delle partite più importanti di tutta la Brexit. Il valore della moneta potrebbe essere l’ago della bilancia che potrebbe spingere Londra verso l’Europa o verso altri mercati, come quello statunitense ad esempio.

Altre modifiche interessanti riguarderanno la vita di tutti i giorni dei cittadini britannici, per quanto riguarda ad esempio le tariffe telefoniche, non più vincolate ai regolamenti UE. Guardando invece la scelta da un punto di vista Europeo, anche per il Vecchio Continente ci saranno delle conseguenze politiche ed economiche. Prima fra tutte, l’equilibro dei flussi migratori potrebbe modificarsi in seguito all'impossibilità di raggiungere l’isola britannica a causa delle frontiere chiuse. Anche il PIL delle Nazioni europee potrebbe subire una deflazione per la variazione della bilancia commerciale.

In conclusione, dunque, la Brexit, fenomeno già discusso e controverso sin dall'inizio, avrà sicuramente conseguenze di lungo periodo per l’UK e l’Europa che in qualche modo daranno vita a nuove sfide e nuove questioni da dibattere ed analizzare nello scenario politico internazionale.